Preparare in casa le patatine fritte come quelle in sacchetto è facile e veloce, basta adottare alcune accortezze e ricordare che si tratta di un piatto che va consumato occasionalmente.

VAI_alla_classifica_bottone

Le patate sono un alimento universale e versatile e, assieme al pane, si contendono il primato dei cibi più diffusi al mondo, eppure a livello commerciale c’è solo un modo in cui vengono cucinate e distribuite globalmente. Fritte e in sacchetto. Vengono conservate per mesi, vendute in ogni stagione e a lunghissime distanze. Eppure non è difficile prepararle a casa con l’attrezzatura di una normale cucina, basta rispettare qualche regola fondamentale e, ovviamente, relegarle a occasioni sporadiche.

La scelta dell’olio

È importante scegliere un olio con un punto di fumo elevato, affinché esso non “bruci” liberando sostanze tossiche per il nostro organismo come l’aldeide acrilica e l’acroleina. Oltre al punto di fumo, un elemento importante nella scelta dell’olio è la stabilità all’ossidazione. Questi due fattori possono variare anche in un olio della stessa origine, poiché dipendono dal grado di raffinazione dello stesso. Possiamo dire che la temperatura di una frittura arriva intorno ai 180° e che oli in linea di massima con un buon punto di fumo sono quelli con un maggior contenuto di grassi monoinsaturi (come olio di oliva e olio di arachidi). Se si sceglie l’olio di oliva è bene prediligere un prodotto raffinato. Non sono da disdegnare gli oli specifici per frittura, che pur contenendo un mix di oli di diversa provenienza, sono indicati per la frittura ad alte temperature.

Procedimento

Tagliare sottilmente le patate lavate e (se volete) sbucciate. Potete farlo con l’aiuto di un pelapatate se non disponete di una mandolina.
Mettere a bagno le fette in una bacinella contenente acqua e sale e successivamente asciugarle con l’aiuto di un canovaccio (questo passaggio può essere saltato, se avete poco tempo vi basterà tamponare le fette in modo da asciugarle.
Friggere in una padella stretta e alta in abbondante olio e versare le fette una alla volta facendo attenzione a non inserirne troppe tutte assieme poiché c’è il pericolo che si attacchino tra loro.
Non appena avranno preso un colore dorato, tirarle fuori con l’aiuto di una schiumarola e adagiarle su un foglio di carta assorbente per asciugare dall’olio in eccesso.
Salare

Si possono consumare appena cotte ma possono anche essere conservate per qualche giorno in un sacchetto ben chiuso.

VAI_alla_classifica_bottone

commenti (0 )

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>