scheda azienda conserve italia - quotidiano sostenibile
Conserve Italia:
Conserve Italia Soc. Coop. Agr., Via Paolo Poggi 11, 40068 San Lazzaro di Savena, Bologna.

FATTURATO:
993 mln di Euro (2014)

MARCHI PRESENTI:
Cirio, Derby Blue, Jolly Colombani, Valfrutta, Yoga

INFORMAZIONI GENERALI

Conserve Italia nasce nel 1976 come consorzio di cooperative italiane, espandendosi poi in Francia (Conserves France Sa), in Spagna (Juver Alimentacion Slu), in Germania (Warburger Nahrungsmittelwerke Gmbh), in Inghilterra (Mediterranean Growers Ltd), dove, nel 2011, ha stretto un accordo commerciale con la catena distributiva Tesco. Attualmente il gruppo, la cui sede principale è italiana si trova a San Lazzaro di Savena. Produce succhi di frutta, conserve vegetali e marmellate.
In Italia: detenendo il 23% del mercato, vanta il primato di prima produttrice di succhi di frutta, di derivati del pomodoro (15% del mercato), delle conserve di verdure e legumi (23%). I soci proprietari di Conserve Italia sono 51, di cui 48 cooperative agricole del Centro e Nord Italia; Regione Toscana e Ministero delle politiche agricole e forestali compaiono inoltre in qualità di finanziatori del gruppo.

AREE DI PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE

In Italia opera attraverso 8 stabilimenti, di cui 6 in Emilia-Romagna, 1 in Toscana e 1 in Puglia (ai quali si aggiungono altri 4 impianti che fanno capo alle controllate estere, di cui 3 in Francia e 1 in Spagna). Conserve Italia impiega circa 3mila dipendenti (di cui 1649 fissi più 1.381 stagionali).
Sul sito è consultabile il totale delle materie prime trasformate in Europa (555mila tonnellate tra frutta e vegetali) e le superfici utilizzate (oltre 21mila ettari).

SOCIETÀ E AMBIENTE

Filiera Il sito ufficiale è ricco di informazioni sulla filiera. Le materie prime provengono prevalentemente dal territorio nazionale, eccezion fatta per quei prodotti che per loro natura non sono coltivabili in Italia (es. ananas).

Ambiente Per lo stabilimento di Pomposa, il più grande in Europa per dimensioni e quantità di prodotto lavorato, Conserve Italia ha in programma la realizzazione di un impianto per la produzione di energia elettrica alimentato a biogas per coprire circa il 30% del fabbisogno energetico dell’intero stabilimento. Inoltre, l’energia utilizzata per la produzione di prodotti a marchio Valfrutta proviene interamente da campi eolici provvisti di certificazione Cesi (31 agosto 2009). Conserve Italia è inoltre una delle prime aziende alimentari italiane ad aver conseguito la certificazione della propria impronta idrica (water footprint) secondo lo standard internazionale ISO 14046. La valutazione dell’impronta idrica è stata effettuata su tre prodotti del marchio Valfrutta (polpa di pomodoro, borlotto e nettare di pera).
Conserve Italia informa che mediamente dona al Banco alimentare 300 tonnellate di prodotti all’anno.

CERTIFICAZIONI

BRC – British Retail Consortium
IFS – International Food Standard
ISO 14046 (alcuni prodotti a marchio Valfrutta)

FONTI

conserveitalia.it

ATTENZIONE: il voto di questa scheda potrebbe basarsi su dati incompleti poiché l'azienda
NON HA ANCORA RISPOSTO AL QUESTIONARIO